Coca-Cola-Andrea

Campagna Coca Cola e consumer protagonista

Siete pronti a rovistare tra gli scaffali dei supermercati e i banconi dei bar alla ricerca dell’etichetta che più vi rappresenta?

Grazie alla nuova campagna Coca Cola, da qualche settimana fino ad  agosto sono disponibili delle edizioni molto speciali della bevanda gasata più celebre del mondo.

Alcune lattine, bottiglie e bottigliette di Coca-Cola, Coca-Cola light e Coca-Cola Zero, infatti, indossano etichette personalizzate con i 150 nomi di persona più diffusi in Italia, o con i nomi generici (“mamma”, “amico”, “il prof”, “la suocera”) e i modi di dire più comuni e popolari tra i giovani (“Lo Zio”, “Diva”, “chic”, “l’ospite”).

Una strategia di marketing sicuramente vincente, dati i numeri raccolti fin ora. Avvicinare il cliente al prodotto, rendendolo protagonista e se vogliamo, coccolando il suo ego.

“L’idea nasce dal desiderio di essere sempre più vicini al nostro pubblico e diventare, sempre più, la bevanda di tutti”– ha detto Fabrizio Nucifora, Direttore Marketing Coca-Cola Italia – “Attraverso Condividi una Coca-Cola vogliamo infatti ringraziare chi da sempre ama il nostro brand e i suoi prodotti, perché sono proprio i nostri fan i veri protagonisti ed artefici del successo dell’azienda”.

Con 350 milioni di bottiglie e lattine, prodotte nei 7 stabilimenti italiani Coca-Cola, “Condividi una Coca-Cola” la campagna Coca Cola è  la prima in Europa e la più imponente campagna di personalizzazione mai realizzata.

Link al sito: Coca Cola

 

2 pensieri riguardo “Campagna Coca Cola e consumer protagonista”

  1. La miglior campagna Coca Cola di tutti i tempi. Nella mia famiglia, con la scusa del nome, si compra più Coca Cola rispetto a prima.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>